Cos’è la corrosione galvanica, in questo articolo un consiglio per prevenire la corrosione galvanica e come evitarla.

 

corrosione-galvanica

 

Quando si parla di corrosione galvanica, ci si riferisce ad un fenomeno corrosivo in grado di manifestarsi quando metalli con struttura interna diversa, vengono accoppiati in un ambiente umido.

Ogni metallo, in base alla propria componente chimica, è dotato di un potenziale elettrico ed è in grado di relazionarsi con l’ambiente cedendo o ricevendo elettroni.
In presenza di una soluzione acida, si ottiene una differenza dei diversi potenziali elettrici, ovvero, si avverte un passaggio tra anodo e catodo,  (elettroni da un donatore e un ricettore) con una intensità di movimento degli elettroni maggiore a seconda del potenziale elettrico.
E’ proprio questo movimento ad innescare la corrente elettrica, conosciuta con il termine di corrente galvanica la quale innesca il processo di corrosione.

Al fine di evitare la corrosione galvanica, è seguire scrupolosamente le due fasi di relative alla progettazione e alla realizzazione evitando di far scaturire un contatto elettrico di materiali di diversa natura quando ci presenta un ambiente umido e acido.

Le regole per evitare la corrosione galvanica

  • In presenza di acciaio inossidabile, come potrebbe essere l’alluminio, occorre assolutamente evitare di fare delle congiunzioni con viti o rivetti, ma è bene cercare di utilizzare sempre il medesimo materiale, o eventualmente di utilizzare nei punti di unione del materiale isolante.
  • Evitare, allo stesso modo, di fare delle congiunzioni con saldobrasatura quando abbiamo a che fare con acciaio inossidabile con leghe a basi anodiche. Meglio utilizzare la brasatura dolce leghe a base di stagno-piombo.
  • Occorre fare molta attenzione a non contaminare le parti in acciaio inossidabile durante le lavorazioni con il ferro ad esempio, considerato fra i materiali anodici, questo perchè le macchie di ruggine che potrebbero comparire sono da ritenersi una causa dovuta alle particelle ferrose che possono staccarsi dagli utensili durante la spazzolatura, la sagomatura o la cesoiatura.

Corrosione galvanica nelle tubature

Il fenomeno della corrosione galvanica si verifica spesso anche nelle tubature della casa e degli edifici, in particolar modo nelle saldature e nelle giunzioni filettate delle tubazioni del gas e dell’acqua. Ciò provoca danni agli impianti per via del malfunzionamento e delle perdite.

Come ho detto, uno dei rimedi possibili è quello di utilizzare un isolante adatto ai metalli oppure utilizzare giunti dielettrici, in grado di interrompere la circolazione delle correnti galvaniche.

La scala galvanica

Di seguito la scala galvanica dei materiali che spesso vengono utilizzati per progettare, dal metallo meno nobile al metallo più nobile: titanio, alluminio, zinco, acciaio e ghisa, rame, acciaio inossidabile. Ci sono alcuni metalli che non hanno la tendenza a corrodersi come oro e argento, ma ovviamente, visto i costi elevati, non possono essere utilizzati in questo settore

E’ possibile difendere i metalli dall’ossidazione in diversi modi:

  • Zincatura, ovvero, immergere in un bagno di zinco fuso l’elemento metallico.
  • Anodo sacrificale,collegando ai manufatti un altro elemento meno nobile in grado di proteggerlo.
  • Isolando gli elementi con un diverso potenziale: bitume, manti protettivi, altri materiali isolanti.

Una delle protezioni più efficaci risulta essere quella degli anodi (grande utilizzo nelle imbarcazioni), su cui far confluire  le correnti elettrolitiche.