Sistemi alternativi per l’acqua calda sanitaria

acqua calda sanitaria

Col passare del tempo, cambiano molte abitudini ma resta immutato il bisogno di avere a disposizione acqua calda sanitaria (ACS) per l’igiene personale e per quella delle nostre abitazioni. L’aumento dei prezzi per la fornitura di energia e dei combustibili tradizionali porta le famiglie a ricercare sempre nuove soluzioni per ottimizzare costi e consumi.

Per rispondere a queste esigenze sono state sviluppate diverse soluzioni non solo a ridotto consumo energetico ma anche a basso impatto ambientale. Vediamo quindi quali sono i sistemi alternativi per produrre acqua calda sanitaria.

Sistemi alternativi per produrre acqua calda sanitaria

Sebbene la maggior parte delle famiglie utilizzi  la caldaia a gas per la produzione di acqua calda sanitaria, oggi la tendenza è quella di utilizzare sistemi alternativi. Tra questi troviamo le pompe di calore, pannelli solari termici, la caldaia a biomassa, caldaie a metano, caldaie a condensazione. Vediamo in breve come si differenziano questi sistemi.

Pompe di calore 

Le pompe di calore costituiscono uno dei sistemi più innovativi, efficienti ed ecologici per la produzione di ACS. Esistono vari tipi di pompe di calore che permettono di generare accumuli di acqua calda sanitaria. I boiler a pompa di calore sfruttano uno scambiatore di calore alimentato da un fluido. Il fluido prende il calore da una sorgente fredda e lo estrae convogliandolo verso lo scambiatore. Le pompe di calore consentono di risparmiare fino al 70% di elettricità e assicurano prestazioni ottimali anche per la climatizzazione.

Pannelli solari 

I pannelli solari sfruttano la fonte di energia più naturale e gratuita che esista, quella del sole. I pannelli convogliano l’energia solare verso un boiler per l’accumulo di acqua calda sanitaria che la trasmette all’impianto idraulico presente in casa. Se l’energia accumulata non basta è possibile supportare i pannelli attraverso l’installazione di un generatore di acqua calda sanitaria. Affinché il loro funzionamento sia corretto, è importante che i pannelli siamo montati con il verso e l’inclinazione giusta.

Caldaia a pellet e caldaie a biomassa

Se non è possibile installare un impianto fotovoltaico, la caldaia a pellet costituisce un’altra buona soluzione per la produzione di ACS. Questa caldaia, oltre ad avere prestazioni ottimali, presenta rendimenti termici elevati ed è in grado di garantire calore uniforme in tutta la casa. Rispetto alle tradizionali caldaie a legna, le caldaie a biomassa caricano automaticamente il combustibile fornendo acqua surriscaldata durante tutte le ore della giornata. Questi generatori necessitano di un sistema di accumulo, in quanto ancora non consentono la preparazione istantanea dell’acqua sanitaria. Per questo, la soluzione più congeniale consiste nell’abbinare il generatore a biomassa a un impianto solare termico abbattendo così ulteriormente i consumi e di conseguenza anche i costi.

Caldaie a metano per acqua calda

La caldaia a metano costituisce una delle soluzioni più comuni per la produzione di acqua ad uso sanitario e per il riscaldamento della casa. Queste caldaie hanno costi contenuti ed alta efficienza.

Caldaie a condensazione

Le caldaie a condensazione stanno prendendo sempre più piede, sostituendo le vecchie caldaie a gas, o anche a metano, grazie ad un sistema di incentivi statali e al sistema che consente di sfruttare una maggiore quantità del calore latente prodotte dai fumi prima che vengano espulsi. Le caldaie a condensazione possono essere sia dotate di accumulatore che produrre istantaneamente l’acqua calda.

Idrogeno per gli impianti ACS

L’ultima frontiera della produzione di acqua calda sanitaria è la caldaia ad idrogeno. Hydro è la prima caldaia che utilizza l’idrogeno presente in quasi tutte le sostanze per produrre elettricità ed acqua calda. Ideata e prodotta interamente in Italia da E.HY. Energy Hydrogen, questa caldaia è presente in vari modelli e può essere abbinata ad altri sistemi di produzione di acqua calda ed energia (ulteriori informazioni sul sito www.idrogenoverde.it).

Come scegliere ed installare i sistemi alternativi per  ACS

I sistemi alternativi per la produzione di acqua calda sanitaria possono sostituire i sistemi già esistenti in casa o in un edificio o essere abbinati a quest’ultimi per migliorare il rendimento energetico, ridurre i consumi e sopperire ad un fabbisogno maggiore. La scelta varia quindi in base agli impianti già presenti e/o alle necessità.

Oggi è possibile beneficiare di numerose detrazioni fiscali per la loro installazione. Un idraulico esperto saprà consigliare quale sistema scegliere, nel rispetto delle normative esistenti per il loro montaggio e la loro manutenzione.

Sei a Roma o in provincia di Roma?

Chiama ora il 389 245 6452

0 Commenti

Al momento non ci sono commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *